TRATTATI INTERNAZIONALI


Sovranità Italiana si prefigge lo scopo di desecretare per intero del BIA (bilaterale Italia Usa del 1954) e del memorandum Berlusconi del 1995, per capire il motivo per la quale installazioni militari straniere siano ancora in territorio nazionale e verificare la possibilità di agire per la risoluzione bilaterale.  
 
Per la questione immigrazione, indirettamente sottostante alla carta dei diritti fondamentali, verrà strutturata in funzione dell'istat, ovvero verranno presi in considerazione un numero complessivo di permessi migratori per questioni lavorative in base al fabbisogno reale italiano.  
 
Per tutti coloro che entrano illegalmente entro i confini nazionali dal mare si attueranno i principi di violazione dei confini, ovvero, chi dimostra realmente, con documenti alla mano, di fuggire da conflitti o situazioni di mancata libertà personale verrà ridistribuito nella nazione della nave ONG o similari di pertinenza; per chi non proviene da tale territorio o non ha il modo di dimostrarlo, quindi si presuppone che siano migranti economici, verranno espulsi direttamente allo sbarco verso i territori di appartenenza; qualora gli stati di appartenenza delle navi non accettassero gli immigrati irregolari portati entro i nostri confini, verranno messi agli arresti gli equipaggi per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina  
 
Per tutti coloro che entrano illegalmente entro i confini nazionali da terra, si attueranno i principi di violazione dei confini ovvero, chi dimostra realmente, con documenti alla mano, di fuggire da conflitti o situazioni di mancata libertà personale verrà ridistribuito in territorio nazionale, per chi non proviene da tale territorio o non ha il modo di dimostrarlo, quindi si presuppone che siano migranti economici, verranno espulsi direttamente e rispediti allo stato di appartenenza.  
 
Sanzioni contro le immigrazioni clandestine ex art. 12 T.U. 289/1998 dopo le modifiche apportate dalla L. n. 189/2002 Reclusione fino a 3 anni e multa fino a 15.000 euro  
 
Atti diretti a provocare l'ingresso illegale in Italia o in altro Stato di chi non è cittadino o non ne ha la residenza (art. 12, 1comma) Reclusione da 5 a 15 anni e multa di 25.000 euro per ogni persona Atti diretti a procurare l'ingresso illegale in o in altro Stato di chi non è cittadino o non ne ha la residenza, al fine di destinarlo alla prostituzione o allo sfruttamento sessuale o impiegare minori in attività illecite favorendone lo sfruttamento (art.12, 3comma ter)  
 
Reclusione da 4 a 12 anni e multa di 15.000 euro per ogni persona Atti diretti a provocare l'ingresso illegale in Italia o in altro Stato di chi non è cittadino o non ne ha la residenza al fine di trarne profitto, anche indiretto, o se il fatto è commesso da tre o più persone in concorso tra loro o utilizzando servizi di trasporto o documenti contraffatti o comunque illegalmente ottenuti (art. 12, 3comma)  
 
Circostanze aggravanti dei reati previsti dall' art.12, 3comma Se il fatto è commesso per procurare la permanenza illegale in Italia: - di cinque o più persone; - esponendo la persona al pericolo per la sua vita o per la sua incolumità; - sottoponendo la persona a trattamento inumano o degradante (art.12, 3comma bis)  
 
Circostanze attenuanti dei reati previsti dall'art. 12 commi da 1, 3, 3bis, 3 ter Se l'imputato si adopera per evitare che l'attività delittuosa sia portata a conseguenze ulteriori, aiutando concretamente l'autorità di polizia o quella giudiziaria nella raccolta di prove decisivi per la ricostruzione di fatti, per l'individuazione o la cattura degli autori del reato e per la sottrazione di risorse rilevanti alla consumazione dei delitti (art.12, 3comma quinquies) Reclusione fino a 4 anni e multa fino a 30 milioni di lire (euro 15.493,71)  
 
Atti diretti a trarre un ingiusto profitto favorendo la permanenza in Italia dello straniero in condizione di illegalità o nell'ambito delle attività punite dall'art.12 (art.12, 5comma) Pagamento di una somma da lire 1 milione (euro 516,46) a lire 5 Milioni (euro 2.582,28) per ciascuno straniero trasportato Nel caso in cui il vettore aereo, marino o terrestre: - non accerti che lo straniero sia in possesso dei documenti richiesti per l'ingresso in Italia - non adempia l'obbligo di riferire alla polizia di frontiera della presenza a bordo di mezzi di trasporto stranieri in posizione irregolare (art.12, 5comma) Sospensione da 1 a 12 mesi o revoca della licenza, autorizzazione o concessione inerente l'attività professionale e il mezzo di trasporto Nei casi più gravi (art. 12, 5comma)  
 
N.B. Qual'ora l'immigrazione irregolare sia gestita da corpi governativi di altro stato, questi, verranno condotti in tribunali internazionali per appoggio all'immigrazione clandestina, lesa sovranità statale e mancato stop alle frontiere.